Food & Wine Music Tips

FOOD & WINE MUSIC TIPS #7: Tempranillo & “Vino Tinto” by Goran Bregović

Spread the love

 

 

Protagonisti dell’abbinamento vino – musica numero 7 sono il vino spagnolo Tempranillo e “Vino Tinto” del musicista e compositore bosniaco Goran Bregović!

“Esta noche voy a dedicarme

Al vino tinto

Y pienso dejarme y que alguién

Me haga un hijo”

Bregović nacque a Sarajevo nel 1950, e dopo il divorzio dei suoi genitori (il padre faceva parte dell’Armata Rossa) visse con la madre che lo spronò al mondo della musica. Studiò violino ma ben presto venne considerato di poco talento e passò quindi alla chitarra, regalatale dalla mamma. Dopo un’infanzia burrascosa, dove entrò ed uscì da vari istituti scolastici a causa del suo comportamento decisamente vivace, iniziò a lavorare in dei locali suonando il basso e venne notato dal cantante del gruppo dei Kodeksi che lo invitò ad unirsi a loro. Alla fine degli anni ’60 si spostarono a suonare a Napoli prima come gruppo musicale di un locale della città e poi sganciandosi ed eseguendo il loro repertorio più in linea con le loro corde.

Il periodo degli anni ’70 li vede molto impegnati a suonare ricevendo influenze dei gruppi rock più forti dell’epoca dai Led Zeppelin ai Black Sabbath. B. decide quindi di cominciare a studiare all’Università ma non per molto: Grona abbandonò gli studi e anche il gruppo per suonare con i Jutro che cambiò poi nome in Bijelo Dugme divenendo molto popolare in Bosnia.

Alla fine degli anni ’80 Bregović inizia la sua carriera da solista componendo anche colonne sonore per film di Emir Kusturica con il quale divenne stretto collaboratore per numerosi suoi film tra cui “La Regina Margot” e “Underground”. Ma la sua definitiva consacrazione e che lo sta portando a girare nei teatri di tutto il mondo è con la Wedding and Funeral Band il cui stile è un poutpourri di musica tradizionale slava, balcanica popolare e gipsy grazie all’utilizzo di chitarre, violini e strumenti a fiato.

“Chi non diventa pazzo non è normale!”

 

Il Tempranillo, la cui leggenda narra che fu coltivato dai monaci di Cluny in pellegrinaggio sul Cammino di Santiago di Compostela, è noto soprattutto come vino da taglio nei vini Rioja ed è il vitigno a bacca nera più conosciuto della Spagna (in particolar modo la sua coltivazione è incentrata nella zona de La Rioja, nella Spagna settentrionale).

 

 

Vitigno autoctono (scoperto grazie al ricerche recenti in merito alla sua “paternità” e coltivabile anche in Italia, soprattutto in Toscana), la sua uva matura “temprano” –  in spagnolo “presto”; come vino ha colore rosso vivo e lucente, possiede sentori che passano dal fruttato al cuoio a toni più tendenti allo speziato come la foglia di tabacco e se affinato in legno acquista note vanigliate.

Al palato risulta molto caldo ed intenso…un po’ come le note della musica di Goran Bregović …

 

 

Open in Spotify

  • 3
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *